3 motivi per cui non riesci a vendere casa

1- [Prezzo troppo alto]

Senza  troppi giri di parole,  il PREZZO costituisce la PRIMA DISCRIMINANTE che induce i potenziali acquirenti a chiamare o meno per fissare una visita sulla tua casa.

Non stancherò mai di ripetertelo che la CONDIZIONE ESSENZIALE che devi accettare se vuoi vendere casa ORA e NEL BREVE TEMPO, è che non recupererai più quello che hai investito, anche a distanza di solo 5-6 anni, ma DEVI COMPRENDERE quali sono i valori del mercato attuale.

Se non consideri questo dato di fatto, e nonostante il tuo agente  ti abbia indicato il valore congruo, continui  nella tua convinzione di uscire negli annunzi con un valore ASSOLUTAMENTO FUORI MERCATO (continuando nel tempo a svalutare il tuo immobile). QUESTO è  il motivo principale per cui non ricevi visite!!!

I potenziali acquirenti ora sono molto informati, approfondiscono, girano, CONOSCONO IL MERCATO e non si FANNO ABBINDOLARE, ma sanno come pagare la casa ad un prezzo in linea con il mercato attuale! E soprattutto GLI AMATORI SONO ESTINTI E NON SONO MAI ESISTITI!!!

 

2- [Annuncio non accattivante]

Un altro motivo per cui gli interessati  chiamano per visitare  casa è la presentazione dell’annuncio immobiliare. Sai che più del 90% dei contatti arriva dal web e quindi gli acquirenti sono attratti dai vari annunci on line sui vari portali. Un annuncio simile a tutti gli altri, magari con foto pessime (scattate con lo smartphone) non richiama l’attenzione né l’interesse di nessuno.

E ancora peggio l’interesse viene ridotto a  ZERO nel caso in cui escano annunci dello stesso immobile pubblicati da più agenzie e peggio se con prezzi diversi del tuo immobile, con  prezzi, metratura o caratteristiche che non coincidono!!!
Risultato: CAOS TOTALE, casa svalutata e considerata poco seria e inaffidabile con la conseguenza che il potenziale acquirente NON chiama.

A riguardo devo assolutamente far notare che invece gli annunci immobiliari di immobili con foto accativanti e fatte bene sono certamente i più visitati. Non parlo solo di qualità delle immagini in sé, ma anche di AMBIENTI SISTEMATI, ABBELLITI e adeguatamente VALORIZZATI per mostrare la tua abitazione nella sua forma migliore.

La prima impressione è quella che conta GIÀ a partire dall’annuncio!

Una fotografia di una stanza in disordine e piena di cose inutili che la rendono confusionaria, piccola, oppure un’immagine buia NON AUMENTANO senz’altro l’appeal della casa!! Quando decidi di scattare le foto per proporre in vendita la tua abitazione, fai attenzione a ogni piccolo particolare e disponi tutto come se dovessi ricevere la visita di un acquirente. Le foto orrende o non accattivanti NON invitano di certo a chiamare per venire a vedere la tua abitazione.

 

3 – [Marketing NON adeguato]

Se stai cercando di vendere  da solo o anche se ti sei affidato a un’agenzia, uno dei motivi per cui potresti NON ricevere visite è un sistema pubblicitario non adeguato. Devi sapere che in un mercato come quello attuale piuttosto saturo di immobili, NON basta mettere l’annuncio della tua casa su un paio di portali immobiliari. La differenza oggi sta nell’adottare un PIANO DI MARKETING attivo e articolato che mette in evidenza la tua casa su più piattaforme immobiliari, utilizzi  i social, Google, condivisione e collaborazione, faccia dei volantini mirati, etc.

Uno strumento pubblicitario potentissimo sono anche gli open house e i last minute,  e mostra SU LARGA SCALA la tua abitazione a tutti coloro che sono potenzialmente interessati a comprare.

Bene, spero di esserti stato utile, per maggiori approfondimenti o se vuoi scorpire tutte le mie azioni di marketing che faccio per vendere un immobile in tempi brevi contattami subito!

 

 

Specialista immobiliare

Massimiliano Di Giacomo, agente immobiliare, specializzato nella compravendita di immobili residenziali per le province di Catania e Siracusa. Certificato Google "Eccellenze Digitali" esperto di Web Marketing Immobiliare.

More Posts - Website

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *